Caricamento in corso...

Newsletter


Dispepsie? Problemi digestivi? E' tutta una questione di fegato

Cinar...cinar...a base di carciofo...
Recitava così il giungle della pubblicità di un celebre amaro.
E se il carciofo è stato pensato come componente principale di un amaro da sorseggiare dopo i pasti, soprattutto quei lunghi pasti che non ti lasciano scampo e che ti inchiodano alla sedia perché la forza di gravità è più forte di quella dell'organismo satollo di cibo, ci sarà un perché.
I perché in realtà sono 3 e risiedono nelle proprietà terapeutiche principali di questo ortaggio:

  1. Depuratore
  2. Digestivo
  3. Disintossicante
La coltivazione della pianta del carciofo a scopo commestibile risale ai tempi degli Egizi e nel XVI secolo veniva impiegato per le sue proprietà diuretiche.
Responsabile degli effetti benefici è la Cinarina, principio attivo simile alla Silimarina contenuta cardo mariano.
Mentre all'acido alfaidrossimetilacrilico si devono le proprietà diuretiche.
La cinarina presenta spiccata attività nei confronti della colecisti favorendo sia la secrezione biliare che il successivo svuotamento all'interno del lume intestinale.
E' per questo che, oltre nei casi di disfunzione biliare, le capsule di carciofo sono indicate in tutti quegli stati di dispepsia in cui i sintomi derivati dall'affaticamento epatico sono:
  • Sonnolenza ed emicranie postprandiali
  • Nausee & digestione lenta 
  • Alito pesante & bocca amara
  • Flatulenza & stitichezza
Talvolta il quadro può essere più complesso e comprendere disturbi dermatologici come pelle opaca, foruncolosi, acne, forfora, prurito, tanto da scambiare per reazione allergica il sintomo, e ancora irritabilità, insonnia fino ad arrivare alla lieve depressione.
Tutto derivato dal fatto che il fegato, organo emuntori per eccellenza, deputato alla disintossicazione, assieme ai reni, dell'organismo, sovraccarico di lavoro comincia a funzionare male influendo in questo modo la digestione.
Il carciofo esplicando l'attività coleretica e colagoga, agendo in maniera positiva sulle cellule epatiche, epatociti, e migliorando il del colesterolo e dei triglicerdi nel sangue, che così non si accumulano a livello epatico,
riequilibra il quadro patologico.
Le sue proprietà epatoprotettive vengono sfruttate spesso nelle disintossicazioni dal alcool etilico essendo capace di diminuirne i livelli ematici per l'azione combinata su fegato e reni.
Per un effetto ottimale è consigliabile assumere 1 o 2 capsule di carciofo due volte al giorno per cicli di 20 giorni al mese per 3 mesi.
Il carciofo, assieme ad una dieta appropriata, è un utile disintossicante da usare in primavera per depurare il nostro organismo e riequilibrarlo dopo la stagione invernale.
Spero che questi brevi consigli vi siano stati utili. Vi ricordo che potete seguire le mie notizie sulla pagina Fb della mia farmacia. Su su..andate a cliccare mi piace e diventate fan così mi gaso e faccio tanti altri post utili :)
Se invece volete acquistare velocemente le capsule di carciofo vi aspetto qui nel mio store online

Inserito il 05/01/2012 - 11:22